10.11.10

Alle prese con una malata immaginaria ..

Oggi giornata speciale per Lucia ... almeno così pensavo ...

Questa mattina gita alla fattoria didattica, dopo una notte di pioggia ... il cielo sembra schiarirsi ed esce il sole ... fantastico!!
... se non fosse che Lucia questa notte si è svegliata piangendo dicendo che aveva male ad un orecchio .. e la sua mamma ... "disgraziata" ... terribilmenta assonnata .. e presa dal panico otite .. senza pensarci tanto su gli ha dato la tachi :(
Questa mattina Lucia si è svegliata tutta pimpante, ha voluto il suo babbo .. ha salutato allegramente Filippo, poi alla domanda "come stai?" ha detto bene .. il che mi ha fatto dubitare che durante la notte fosse stata davvero male ... poi appena gli ho ricordato la gita è stata colta da un mal di pancia folgorante!! ... mmmmmmmm

Ok .. la gita dovrebbe essere un'evento meraviglioso .. almeno io lo ricordo così ... mentre per Lucia è un evento destabilizzante, qualcosa che va al di fuori della solita routine, qualcosa di cui aver paura .. qualcosa da mal di pancia!!

Da mamma ... lì per lì è difficile pensare che tua figlia non stia male, che stia mentendo, ma quando inizia a saltellare .. a giocare con Filippo tutta contenta, volendo far colazione perchè ha fame ... si beve due bibe di spremuta d'arancia ... contenta perchè va dalla nonna ... insomma .. qualche dubbio mi viene.
Fortunatamente è arrivata la nonna, che mi ha confermato che mia figlia era decisamente poco credibile e l'ha convinta ad andare alla gita.

Ho chiesto a Lucia di cosa avesse paura e mi ha risposto "degli animali" . è si .. lo che ha paura, ma le paure vanno affrontate. Ho cercado di spiegarle che se la paura la tiene dentro diventa grande grande... invece se le cose si dicono alla mamma .. magari la paura diventa più piccola.

Inoltre ieri è accaduto un brutto episodio con un bambino più grande, le ha messo le mani al collo .. quando sono andata a prenderla era appena successo .. ed aveva tutti i segni rossi, era spaventata .. ed io non sapevo come reagire ... anche per questo Lucia aveva paura questa mattina.

Ora .. finchè non l'andrò a prendere non starò tranquilla, perchè una parte di me .. pensa che comunque potrebbe stare male.

2 commenti:

  1. Sono arrivata alla conclusione che non sia davvero facile comprendere quello che passa nelle testoline dei nostri bimbi, ma sono anche sicura che porsi in atteggiamento di ascolto e fargli capire che noi ci siamo sia il modo più giusto per rassicurarli. E' necessario fargli comprendere che quelle emozioni tanto forti, che esplodono dentro di loro e che non sempre sono facili da gestire (neanche per noi adulti, figuriamoci per loro) possono condividerle con noi, senza paura. E mi sa che tu sei stata brava e l'hai già fatto capire a Lucia!

    RispondiElimina
  2. Sono davvero complicati .. bisogna imparare ad ascolarti a comprenderli, non è facile.
    Bisogna creare momenti di tranquillità e fargli sempre capire che ci siamo .. sempre.
    Non stancherò mai di dirlo ai miei figli.
    brava per me è una parola grossa, ma faccio il possibile per esserci sempre :)

    RispondiElimina